L’Acquario di Genova: una visita ideale per grandi e piccini

Un ottimo modo per trascorrere una giornata con i bambini

 FEB  2017

Sapete quale potrebbe essere un ottimo modo per trascorrere una giornata con i vostri bambini? Che sia inverno o estate, un jolly da giocare in qualsiasi momento dell’anno. Basta una gita all’Acquario di Genova, anche perché è sempre aperto, dalle 9 alle 20 circa.

I bimbi saranno felicissimi all’idea di vedere pesci, delfini, squali e anche pinguini, tanto più a distanza ravvicinata. Inoltre, solo per i più piccoli, l’acquario ha predisposto tante attività ludico-didattiche, che faranno loro imparare moltissimo sul mare e i suoi abitanti. Anche per voi potrebbe essere piacevole, vedere con altri occhi questi animali. D’altronde, non si finisce mai d’imparare! E non dimenticate che Genova è una grande città, potreste unire la visita all’acquario a un’altra attività più interessante per voi. Potreste anche fare un passo in spiaggia vista la poca distanza dalla città.

L’Acquario di Genova per i bambini

Tanto per cominciare siamo nel periodo di carnevale e se state cercando una location diversa dove portare i vostri figli l’Acquario è perfetto. Innanzitutto perché costa meno l’ingresso e non guasta mai risparmiare un po’; i piccoli fra i 4 e i 12 anni infatti pagano la metà sino al 5 marzo. E poi perché c’è “L’Acquario in maschera”, un laboratorio davvero speciale: i bambini scopriranno, guidati dagli esperti, come gli organismi marini si nascondono per sopravvivere ai predatori. E non è finita qui: c’è anche la postazione “face painting” dove potranno farsi truccare, trasformandosi in una delle creature dell’Acquario di Genova. Originale vero? L’iniziativa si svolge il 25, 26 e 28 febbraio nel pomeriggio; prenotate però perché è per un massimo di 25 partecipanti.

Passiamo alle attività tradizionali e iniziamo con l’“Acquario dietro le quinte kids”. È uno speciale percorso a tappe, pensato per i piccoli dai 3 ai 7 anni, accompagnati dai genitori. Impareranno i segreti su alcuni animali, visitando i laboratori ed entrando in ambienti non accessibili al pubblico. Immaginate la loro felicità quando gli direte che visiteranno luoghi dell’acquario di solito vietati!
Il laboratorio “Alla scoperta dei cuccioli” sarà altrettanto emozionante, perché potranno vedere come e dove nascono gli animali e anche in che modo vengono allevati i cuccioli.

Ma il meglio deve ancora venire. Primo, perché c’è ancora da visitare la sala degli abissi, uno spazio dedicato alla realtà virtuale, per scoprire le specie animali che li popolano. In pratica viene simulata un’immersione di tre minuti: si indossano gli appositi occhiali e si vede la luce farsi sempre più fioca. Un altro momento che potrete godervi insieme ai vostri figli. Secondo, perché per i più grandicelli c’è la possibilità di dormire all’acquario – e voi passerete un’intera serata per in relax! –, proprio a fianco della vasca degli squali. La mattina, dopo aver assistito al risveglio degli animali, si fa una buona colazione colazione e si torna a casa.
E poi c’è il giardino tropicaleUn battito d’ali”. È proprio un altro mondo, che però completa quello dell’acquario. Vi troverete all’interno di un ambiente in cui è riprodotta la foresta centroamericana, ci sono piante tropicali, uccelli, anfibi, rettili e tante coloratissime farfalle. Entrare nel giardino sarà un’incredibile sorpresa per tutti.

Viste le numerose attrazioni è possibile che vi fermiate a lungo all’acquario per cui ai bambini potrebbe venire fame. Andate al punto di ristoro Tender Cafè, all’ingresso della Nave Blu, per loro c’è il menu kids, con pizza, patatine fritte piccole e bibita alla spina piccola.
Prima di andarvene fategli disegnare, sull’apposito schermo touch, il loro pesce preferito o un altro di loro invenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare tag e attributi HTML come: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>