I territori di Residence di Liguria: Riomaggiore

Storia, curiosità e attrazioni del borgo marinaro di Riomaggiore

 MAR  2018

Nella seconda tappa del viaggio fra le località in cui si trovano le strutture di Residence di Liguria vi facciamo fare una visita a Riomaggiore, una delle famosissime Cinque Terre.
Sono Patrimonio dell’Umanità e già Riomaggiore fa capire perché: è difficile trovare un luogo in cui le case sono concentrate in poco spazio e arroccate sugli scogli, a picco sul mare.
Come ogni borgo delle Cinque Terre anche Riomaggiore ha il suo porticciolo, una marina piena di piccole imbarcazioni, che arricchiscono di colore il paese e il suo specchio acqueo. Infatti una delle immagini più note del borgo della Riviera è quella in cui si vedono le case – ciascuna facciata ha un colore diverso – che si affacciano sul mare con le barche di fronte.

Vista su Riomaggiore

Riomaggiore però non è solo un caratteristico borgo di mare, è un paese che ha origini antiche, in cui c’è molto da scoprire. Vediamo insieme un po’ di storia e i punti d’interesse.
Pare che intorno all’anno 1000 gli abitanti delle colline iniziarono a scendere verso il mare. Le prime notizie certe risalgono al 1251, quando a Carpena, oggi frazione di Riccò del Golfo, giurarono fedeltà alla Repubblica di Genova, che era in guerra contro Pisa.
Sono di quell’epoca le tipiche coltivazioni a terrazzamento della vite, attività agricola che ancora caratterizza questi territori.

I terrazzamenti sopra le cinque terre

Oltre alle coltivazioni, lungo le colline che sovrastano il borgo si snodano numerosi sentieri, che collegano Riomaggiore alle altre Cinque Terre e ai vicini paesi di Porto Venere e Campiglia e arrivano sino alla Spezia. Non solo: questi tracciati si inseriscono in una rete di sentieri ben più ampia, che corre lungo tutta la Liguria. Insieme al mare, questi percorsi sono uno dei motivi per cui vale la pena venire qui, perché attraversandoli si gode di una vista magnifica: si vedono i centri abitati e il mare dall’alto.

panorama dai sentieri di Riomaggiore

Naturalmente, appena arriva la bella stagione, dovete tuffarvi nel mare cristallino. Potete fare un bagno dagli scogli della marina oppure andare nella spiaggia fatta di ciottoli e sassi.
Nonostante le piccole dimensioni anche a Riomaggiore c’è un castello, il Castellazzo di Cerricò, che sorge sull’omonimo colle. Del maniero, costruito nel 1260, rimangono le mura e due torri rotonde. Accanto trovate l’oratorio di San Rocco, all’interno del quale potete vedere un bel dipinto che ritrae la Vergine con il bambino e i santi.
Un altro monumento da vedere è la chiesa di San Giovanni Battista, che si trova nella parte alta del paese.
A proposito di chiese e sentieri, non potete perdere il santuario di Nostra Signora di Montenero. Dalla collina su cui sorge godrete di una vista meravigliosa, che compenserà lo sforzo fatto per raggiungerlo.

Santuario della madonna di Montenero>

Una passeggiata più semplice è quella che porta a Torre Guardiola. Da lì potete raggiungere facilmente un’area pic-nic e fare il bagno in alcune vasche naturali.
Non potete dire di essere stati a Riomaggiore se non vi fermerete nei locali tipici, per mangiare un piatto di pasta al pesto o con i muscoli, i muscoli ripieni, le acciughe, il baccalà, il polpo e molto altro. Se avete voglia di uno spuntino la focaccia, mentre state passeggiando per i carruggi, è perfetta.

residence Riomaggiore

One comment on “I territori di Residence di Liguria: Riomaggiore

  • RIO È SEMPRE MERAVIGLIOSA, IO CI HO PASSATO 20 ANNI DI VACANZA ESTIVA PERCHÉ AVEVO CASA LÌ…. IN MARINA.
    ORA PERÒ IL TURISMO DI MASSA E DI SOLO PASSAGGIO MORDI E FUGGI… HA INTACCATO LO SPIRITO DI QUEL LUOGO ISOLATO SCONOSCIUTO AI PIÙ E, QUINDI, INCONTAMINATO E INCANTATO!
    COME VENEZIA….
    SPERO SI RITORNI INDIETRO.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare tag e attributi HTML come: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>